L’Editoriale del Giornalaio: BULFER-MAIN SOLUTION – EUROPASSIRANA 89 = 4-3

3° Giornata: Bulfer- Main Solution  – EuroPassirana 89 = 4-3 (4° 1-0, 20° 2-0, 24° 3-0, 29° 4-0, 33° Porro (Rig.), 40° Porro, 17° st Porro)

COMMENTO SULLA PARTITA

 Dopo meno di trenta minuti, una squadra, l’EuroPassirana, sembrava destinata ad una delle peggiori disfatte della sua Storia, sotto di quattro reti ed in balia degli attacchi avversari, mentre l’altra, la Bulfer, sembrava potersi divertire sui resti altrui fino alla fine. Forse per la troppa sicurezza dei padroni di casa ed un umano calo di attenzione, forse per l’orgoglio che l’Euro ha buttato sul terreno di gioco per non subire una cocente umiliazione o forse per il passaggio degli ospiti dalla difesa a tre a quella a quattro e ad un più quadrato 4-4-2, dal trentesimo minuto la partita è proseguita sui binari di una sostanziale parità, con un’azione da una parte ed una dall’altra, parecchie occasioni da rete per entrambe e tre gol di Andrea Porro, la prima su rigore, che hanno fatto rientrare l’EuroPassirana in partita e sperare in un miracoloso pareggio. Certo, dalla tribuna, si aveva la sensazione che era più vicino un possibile quinto gol della Bulfer piuttosto che la rete del 4 a 4 dell’Euro, ma nel calcio non si sa mai. Purtroppo per i tifosi ospiti, però, dopo il 4 a 3 non ci sono stati altri sussulti e la partita è terminata con la vittoria dei padroni di casa. Per concludere, vorrei, se mi è concesso, fare due commenti … Oggi c’è stata l’ennesima dimostrazione che l’Euro attuale non può reggere la difesa a tre perché ha dei difensori ed una squadra sostanzialmente lenta e che il suo abito non può che essere il 4-4-2. Pero, bisogna anche trovare una soluzione per sostenere Porro perché non può far tutto da solo, costruire gioco, fornire assist ed andare anche a segnare. Qualcuno in mezzo al campo deve dargli una mano a far girare la squadra o le punte devono cominciare a segnare qualche gol in più. Solo così si possono fare punti, muovere la classifica e, soprattutto, far ritrovare entusiasmo ad una squadra che lo sta, pian piano, perdendo …

Il Direttore

 Venturini Massimiliano

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *